Ritrovarsi… .

Era doloroso non incontrarsi più.

Ci sono mancati i sorrisi amichevoli, le chiacchiere semplici di chi ha bisogno di sentire il suono di voci conosciute; ci è mancato l’appuntamento che ci spingeva a uscire ben vestiti e in ordine.

Per alcuni ( pochi rispetto ai soci abitualmente presenti in sede) è continuato, durante la pandemia, l’incontro coi docenti dietro lo schermo di un computer o di un cellulare: tecnologia veramente meravigliosa, ma incapace di colmare le distanze affettive.

Da oggi si ritorna alle nostre piacevoli abitudini, agli incontri veri; si ritorna nella nostra cara sede e sarà tutto più bello di prima, perché avremo imparato ad apprezzare il valore di ciò che prima pareva normale, dovuto, e che è invece una preziosa occasione di amicizia e di aggiornamento, un’occasione per sentirsi più inseriti dentro una società che spesso si dimentica di noi e tende a lasciarci ai margini.

Ben ritrovati, carissimi tutti!

Grazie, Gino!

!

In questi ultimi mesi sono scomparse molte persone che col loro talento  hanno reso belli e particolari certi momenti della nostra vita e sono certa che tutti noi amici dell’UTE li abbiamo salutati individualmente con rammarico: il nostro mondo si è impoverito.

Gino Strada

Oggi tuttavia non possiamo non esprimere pubblicamente il profondo dolore che ci ha colpito all’annuncio della morte improvvisa e prematura di un uomo giusto, che ha dedicato la sua vita ad alleviare le sofferenze del mondo: Gino Strada.

Con la sua organizzazione, Emergency, è accorso in ogni luogo della terra in cui la guerra e la miseria facevano sentire con più forza il loro potere distruttivo e ha soccorso chi soffriva senza distinzione di età, di etnia, di credo religioso.

Lo ricorderemo sempre con gratitudine e ammirazione, augurandoci che il suo esempio e il suo pensiero servano a far capire al mondo intero quanto sia stupida e inutilmente crudele la guerra, ogni guerra che ancora oggi porta lutti e distruzione in tanti angoli del mondo.

Iride ci mancherà…

Tutti i soci UTE ricordano con affetto Iride, indimenticata protagonista delle rappresentazioni teatrali degli INOX, Ecco le parole di Cesare, regista della compagnia.

È difficile dimenticare il primo incontro con Iride (2009) perché si è presentata alle prove chiedendo con molta semplicità se poteva far parte della compagnia. La voce era molto esile ma piena di espressione. Lesse con molta attenzione e partecipazione il copione della scenetta che stavamo provando. Le parti erano già assegnate e ne mancava una: lei accetto di fare la parte della muta.La scenetta rappresentata in sala Isacchi ebbe un grande successo. La “muta” rubò gli applausi a scena aperta per la sua interpretazione plastica e convincente.Il personaggio che la caratterizzò fu la Marchesa Bastianelli nella commedia “L’anima travasada”; da quel momento nella compagnia venne chiamata la signora Marchesa.Fu sempre stimolante e collaborativa con tutti. Nei periodi di malattia e di ricovero chiedeva sempre che cosa stessimo mettendo in scena, voleva leggere i copioni e sapere come erano state distribuite le parti.  La voglia di tornare le serviva come medicina per accelerare la guarigione.Con sofferenza dichiarò che non avrebbe recitato più perché si sentiva stanca fisicamente.Tutti quanti l’ammiravano e gli erano amici con sincero affetto. È un personaggio indimenticabile per il gruppo, come lo sono Marinetta, Piera, Gilda. A lei va il nostro grazie per quanto ha dato con l’esempio e la dedizione.

Cesare

Vi aspettiamo…

Carissimi Amici,

In questi giorni si sono riunite CD e Commissione Scientifica dell’UTE per parlare delle possibili attività che possiamo svolgere in questo periodo tra gennaio e aprile.

 La proposta emersa è di fare delle “sperimentazioni con lezioni in videoconferenza” nel mese di gennaio.

 Don Ivano ha accettato di continuare la conversazione sulla figura di S. Giuseppe

per venerdì 08 gennaio 2021 con le due possibilità: la prima alle ore 15:00 e l’altra alle 21:00.

Si chiede per questo di dare l’adesione a uno dei due momenti, per poter inviare l’invito.

Chi ha qualche problema di accesso può chiedere, sulla e-mail di conferma,

 la richiesta di aiuto per imparare ad accedere a ZOOM.

E’ necessario dare il nr. di telefono per essere contattati, se si ritiene opportuna effettuare

una prova  una prova di collegamento.

Qui sotto troverete un manualetto per aiutare anche con qualche istruzione visiva in più.

Quanto prima invieremo un calendario con le indicazioni delle “sperimentazioni con lezioni in videoconferenza”,

che potranno essere tenute in giorni diversi e in orari differenti da quelli nostri abituali.

In base a questi esperimenti e dalla vostra risposta, sentiti i professori disponibili, decideremo un programma per febbraio – marzo – aprile,  con una o più lezioni settimanali della durata di un’ora circa.

In attesa della vostra adesione all’incontro del 8 gennaio con don Ivano, stiamo preparando l’invito che invieremo in due momenti:

– nel primo pomeriggio quello per le ore 15:00

– nel tardo pomeriggio, per le ore 21:00.

Ringraziando per l’attenzione e la sollecita risposta,

porgiamo i più sinceri auguri di un sereno e felice Anno Nuovo.

Il CD e il Comitato Scientifico.

Insieme … per riprendere il discorso.

Carissime socie/ Carissimi soci,

come ben sapete le nuove restrizioni hanno vanificato i  nostri tentativi di riprendere le lezioni in presenza, ma questo ci ha stimolato a cercare nuove modalità di incontro.

Don Ivano si è reso disponibile per tenere una lezione in videoconferenza che si inserirà nella “Settimana dei Circoli Culturali Cattolici” indetta dalla Diocesi di Milano sul tema “INSIEME PER RISVEGLIARE L’UMANO”: Ci impegniamo ….conversazione intorno a Don Primo Mazzolari

La lezione verrà effettuata alle ore 15 e alle ore 21 di mercoledì 25 Novembre e sarà organizzata in collaborazione col gruppo culturale “G. Lazzati” della parrocchia di Arcellasco.

Sarà un’occasione per ritrovarci, anche se a distanza,  per conoscere uno dei grandi protagonisti del secolo scorso e per riprendere il filo di un discorso interrotto da troppo tempo…

Chi intende partecipare deve inviare una mail a: info@ute-erba.it  o telefonare al numero: 339 7435943; in prossimità dell’evento riceverà un link che consentirà di partecipare alla videoconferenza.

In attesa  delle vostre adesioni vi inviamo i nostri più cordiali saluti.

Il Consiglio Direttivo.

Eufemino 2020

Anche quest’anno come è ormai tradizione cittadina, il 12 settembre prossimo alle ore 10,00 verrà assegnato l’ Eufemino d’oro, onorificenza che viene conferita ogni anno alle persone o alle istituzioni che hanno dato lustro alla città o che si sono particolarmente distinte nei vari settori della vita civile.

Quest’anno verrà conferito un solo riconoscimento (di solito erano due) e la scelta sarà certo condivisa da tutta la città, non potranno sorgere polemiche: l’Eufemino verrà assegnato all’ospedale FBF di Erba, per l’ impegno profuso nella strenua lotta contro la pandemia. Verranno inoltre consegnati anche degli attestati di riconoscenza agli operatori dell’ospedale che si sono particolarmente prodigati nella cura e nell’assistenza durante i giorni più terribili della scorsa primavera.

Vista la situazione attuale, chi intende rispondere all’invito dell’amministrazione comunale e assistere alla cerimonia, che si terrà al Lariofiere, dovrà confermare la propria presenza in modo da consentire il sereno svolgimento dell’evento nel rispetto delle regole di sicurezza.

La nostra associazione, premiata lo scorso anno, sarà certamente presente con qualche suo rappresentante per rendere omaggio a medici, infermieri e a tutto il personale impegnato nel buon funzionamento dell’ospedale cittadino.

“La nostra storia”: un anno fa…

E’ facile comprendere perché da qualche giorno sto pubblicando stralci del libro “La nostra storia”: esso veniva stampato proprio un anno fa.

E’ il risultato di un lavoro di molti mesi di ricerca, catalogazione e selezione di documenti, foto, articoli di giornale che documentano 25 anni di storia della nostra Università della Terza Età di Erba.

E’ una storia di una piccola realtà, ma intrisa di amore per la gente, per la cultura, per la propria città; amore che ha messo in moto tutta una serie di sinergie, che hanno reso possibile la realizzazione di un sogno a lungo accarezzato.

Se quel sogno ha continuato a vivere, a crescere, a produrre frutti copiosi, lo si deve a tante persone che hanno creduto in questo progetto e si sono spese senza risparmio per realizzarn gli obiettivi.

Ora l’UTE, come tante altre associazioni, si trova di fronte a difficoltà del tutto nuove e impreviste, ma non si lascerà nulla di intentato perchè essa possa continuare a essere un punto di riferimento per i suoi tanti soci.

Nel frattempo, invito coloro, che ancora non lo hanno fatto, ad acquistare il nostro libro: sarà un modo per manifestarci la loro solidarietà.

All-focus

In ricordo di un caro amico

In ricordo di un caro amico.

In questa settimana di Passione, si è portati a riflettere e a ricordare chi ci ha accompagnato per un tratto del nostro cammino e che ora occupa un posto del tutto particolare tra i nostri ricordi.
Don Ivano ci fa ripensare all’amico prof. Maurizio Benedetti, che ci ha fatto per lunghi anni scoprire un nuovo modo di intendere l’economia, un modo più umano e solidale e che ci ha lasciato poco tempo fa.
Don Ivano ci scrive:
Un mio amico che è venuto con me in Kenya nel 2018 ha fatto queste immagini che ha compendiato qui per mettere in luce la figura di Maurizio. E’ un modo per ricordarlo, anche in questi giorni di Pasqua.

Ecco il video che ci propone immagini belle e serene dell’ultima vacanza di Maurizio Benedetti. https://youtu.be/QRl0-gSwksw

Un lutto nella famiglia UTE

E’ con profondo dolore che apprendiamo la notizia della morte del professor  Rodolfo Damiani, il docente  scienziato- poeta, che tanto  amava la nostra associazione e che  era ricambiato di pari affetto da tutti noi.

Ci rattrista l’impossibilità di portargli il nostro  saluto e il nostro  grazie per la passione  che riusciva a comunicarci con le sue lezioni.

Lo ricorderemo sempre con gratitudine e lo  accompagneremo nel suo ultimo viaggio  con le nostre preghiere.