“VITE DA RICORDARE” (Emilio Magni)

Casa Prina, che ospita la nostra Associazione fin dalla sua nascita, sta per compiere 90 anni. La ricorrenza, importante, meritava un’iniziativa altrettanto importante ed ecco l’idea: ingaggiare una delle penne più felici e amate della nostra città, il giornalista-scrittore Emilio Magni, per ricordare alcune persone che hanno concluso la loro esistenza in Casa Prina nel corso della sua lunga storia.

E’ così che è nato un libro: VITE DA RICORDARE.

Dalle sue pagine fanno capolino i ritratti di tante persone molto diverse tra loro, ma con in comune l’amore per il proprio lavoro, per la propria città e per la gente. Ed è questo che li fa restare nel cuore e nella mente di tanti che hanno percorso insieme a loro qualche tratto di cammino.

La prosa scorrevole e accattivante dell’autore contribuisce a fare di questo libro una lettura piacevole, che rievoca modi di vivere ormai scomparsi e valori semplici, ma profondi che riuscivano a rendere “buona” la vita dura di qualche decennio fa.

Il giorno 14 dicembre ina Sala Isacchi, alle ore 16, la lezione del dr. Filippi sarà sostituita dalla presentazione del libro da parte dell’autore e del dr. Rigamonti che ne ha curato la prefazione.

Lezioni del 30 Novembre e del 3 Dicembre


Martedì, 30 Novembre.

ore 15– Diritto – (recupero della lezione di martedì 23 in cui il docente ha risposto a domande degli iscritti) I LIMITI AL DIRITTO DI PROPRIETà SIA NELL’INTERESSE PRIVATO CHE PUBBLICO – docente: M. Spagnuolo
ore 16 – Arte – SICILIA NORMANNA – Docente: M. Beretta.


Venerdì, 3 Dicembre.
ore 15 – Letteratura/Ecologia – L’ANTROPOCENE (su temi ecologici) . Docente: M. Porro. ore 16 – Informazione scientifica – IL LATTE E I SUOI DERIVATI – Docente: U. Filippi

Requiem.

Ci è appena giunta la notizia del lutto che ha colpito il nostro docente e collaboratore Don Ivano Colombo: ieri infatti si è spenta serenamente la sua cara zia Francesca Corti, dopo una lunga vita dedita alla carità verso i più bisognosi.

Siamo vicini a don Ivano con il nostro pensiero e con le nostre preghiere.

Le lezioni di Venerdì, 26 novembre

ore 15 – Storia/Letteratura – IL VOLTO SPIRITUALE DELLO SCRITTORE E “GRANDE INQUISITORE” – docente: don I. Colombo


ore 16 – Biologia:- I CATTIVI DEI BOSCHI E DEI PRATI: ANIMALI E PIANTE VELENOSI NELLA NOSTRA ZONA – docente: D. Sassi

UTE in lutto.

Apprendiamo con vivo dolore che è venuta a mancare, dopo lunghe sofferenze, la moglie del prof Porro, nostro carissimo e stimatissimo docente. Le esequie verranno celebrate nel paese di origine della defunta, dove verrà sepolta accanto ai suoi cari.

La Presidente, il Consiglio Direttivo e i soci tutti esprimono al professore le più sentite condoglianze e la propria sincera partecipazione al suo dolore.

Lezioni del 16 e 19 Novembre

Le lezioni della prossima settimana hanno subito una variazione rispetto a quantp previsto in sede di programmazione, pertanto seguiranno il seguente calendario:


Martedì, 16 Novembre.

ore 15 – Medicina – L’ALZHEIMER INIETTA I PRIMI SINTOMI – docente: A. Rigamonti

ore 16 – Storia/Letteratura – IL MALE DI VIVERE NELL’INDIVIDUO E NELLA SOCIETA’RUSSA –  docente: Don I. Colombo


Venerdì, 19 Novembre

ore 15 – Fisica – LE NUOVE SFIDE DOPO IL BOSONE DI HIGGS – docente: L. Galoppo.

ore 16 – Immagini di Dio nella storia della nostra civiltà – IL DIVINO NEL MONDO ANTICO – docente: M. Russo.

Eccoci!!!

Prima lezione in presenza: una vera festa!

il saluto del sindaco e del Presidente di Casa Prina
yj saluto del sindaco e del Presidente di Casa Prina,
il saluto della nostra amata Presidente
Ascoltando don Ivano

Ritrovarsi… .

Era doloroso non incontrarsi più.

Ci sono mancati i sorrisi amichevoli, le chiacchiere semplici di chi ha bisogno di sentire il suono di voci conosciute; ci è mancato l’appuntamento che ci spingeva a uscire ben vestiti e in ordine.

Per alcuni ( pochi rispetto ai soci abitualmente presenti in sede) è continuato, durante la pandemia, l’incontro coi docenti dietro lo schermo di un computer o di un cellulare: tecnologia veramente meravigliosa, ma incapace di colmare le distanze affettive.

Da oggi si ritorna alle nostre piacevoli abitudini, agli incontri veri; si ritorna nella nostra cara sede e sarà tutto più bello di prima, perché avremo imparato ad apprezzare il valore di ciò che prima pareva normale, dovuto, e che è invece una preziosa occasione di amicizia e di aggiornamento, un’occasione per sentirsi più inseriti dentro una società che spesso si dimentica di noi e tende a lasciarci ai margini.

Ben ritrovati, carissimi tutti!